Secondo la Medicina Tradizionale Cinese l’Autunno è una stagione di transizione, in cui si passa dalla massima espansione dello Yang dell’estate, verso l’inverno in cui invece culminerà lo Yin.  Come in Agricoltura si raccolgono gli ultimi frutti e ci si prepara per il riposo invernale anche noi raccogliamo le nostre energie e tiriamo le somme delle esperienze vissute in estate, liberandoci delle cose superflue in vista del al prossimo inverno.

Secondo la teoria dei 5 elementi l’Autunno è collegato al Metallo che a sua volta è collegato all’organo dei Polmoni e al viscere dell’Intestino Crasso. Il colore dell’Autunno è il bianco, il sentimento la Tristezza, il Sapore è Acre e Pungente, il punto Cardinale è l’Ovest, il clima è Secco e Arido mentre il senso dell’Autunno è l’Olfatto, il Suono è il Pianto/Singhiozzo e infine il tessuto è la Pelle.

Polmoni, Intestino Crasso e Pelle sono tre organi deputati allo scambio con l’esterno: fanno entrare quello che ci serve e fanno uscire quello che non è più utile per il nostro corpo. Le funzioni di Assorbire ed Espellere del nostro organismo sono rappresentate dalla funzione di Condensazione attribuita all’elemento Metallo.  Anche a livello emotivo l’Autunno è la stagione  in cui ci purifichiamo, accettando ciò che di nuovo viene dall’esterno e lasciando andare ciò che non ci serve più. Riordinando ed eliminando il superfluo, sia come emozioni negative che materialmente svuotando l’armadio, potremo creare spazio per nuove esperienze. Se i Polmoni e l’intestino Crasso non sono in equilibrio la Tristezza, sentimento associato all’Autunno,  non si risolve e si trasforma in angoscia e depressione. E’ quindi necessario non chiudersi in se stessi ma aprirsi agli altri e lasciar andare le emozioni negative.

Alimentazione.

A livello di alimentazione sentiamo un maggiore bisogno di calore e perciò siamo più attratti da cibi Yang che introducono caldo nel nostro corpo, ripristinando l’equilibrio rispetto al freddo esterno. Quindi via con alimenti come zuppe, riso integrale, miglio, stufati, zenzero, aglio, patate, cavoli, cipolle, porri, fagioli di soia, uova, banane, mele, uva, mandorle, nocciole. E poi erbe e spezie come menta,  peperoncino, cardamomo, cannella, pepe. Se non riusciremo a stabilire l’equilibrio Yin-Yang è probabile che ci ammaleremo e sarà il raffreddore ad espellere l’eccesso di freddo Yin tramite l’eliminazione del muco.

Daoyin Yangsheng gong.

Anche nel Daoyin si faranno movimenti tesi a stimolare i meridiani del polmone e dell’intestino crasso in modo da  rafforzare le energie del Metallo. In particolare si effettueranno il primo e il secondo esercizio per i Polmoni dove, con l’apertura del petto, la torsione e rotazione delle braccia, si muoveranno le energie dei meridiani del polmone e dell’intestino crasso. Si stimoleranno anche specifici punti, ad esempio unendo pollici e indici premendo fra di loro i punti LU-11 del polmone con L-1 dell’intestino crasso. Oppure premendo i punti LI-20 del meridiano dell’intestino crasso ai lati del naso. Tutto ciò verrà fatto con movimenti dolci e dai nomi poetici come: “la barca leggera sulle calme acque”, “alzare il cielo con una mano”, “le fenici spiccano il volo”, “la gru ai bordi del lago scruta lontano”, “soffiare come l’orchidea di montagna”…

Rispondi